Impianti di saldatura Nutfast

Un impianto di saldatura Nutfast viene configurato in base al relativo utilizzo. Sul robot, stazionario o manuale, in base alle esigenze.

I componenti dell'impianto:

 

DCE 1500, unità di controllo ed energia da 1 a 5 uscite con interfaccia cliente seriale o parallela.


 

ETF 46, Unità di alimentazione per tutte le applicazioni con Nutfast, capacità fino a 8.000 Tucker Nuts.


 

LM 245, Testa di saldatura  per l'applicazione stazionaria Nutfast


 

LM 315, Testa di saldatura  per l'applicazione tramite robot o stazionaria.


 

PLM 205, Pistola di saldatura  per applicazione semiautomatica.


 

PLM 565, Pistola di saldatura  per applicazione manuale.


In base al processo è garantita una saldatura di filettatura senza gocce di saldante. La massima forza di pressione (< 300 N) durante la saldatura di Tucker Nuts rende Nutfast il processo migliore per la saldatura di tutte le solite lamiere anche acciaio bifasico. Con un impianto standard è possibile saldare Tucker nut su lamiere con spessore di 0,6 – 10 mm.